IT FR DE

Utopia della cura e abbandono dell’Utopia

Monte Verità
Evento ospite
Event
Prenotazione online Aggiungi al calendario 2016-04-15 20:30:00 2016-04-15 21:30:00 Europe/Zurich Utopia della cura e abbandono dell’Utopia http://eventiletterari.swiss/it/eventiletterari/services/event?evid=7b207df2-7295-460b-96ca-fb7add6bec7e& Monte Verità Eventi letterari Monte Verità info@eventiletterari.ch

Evento presentato dal progetto di Parco Nazionale del Locarnese

Il progetto di Parco Nazionale del Locarnese nasce nel 2000 dalla consapevolezza che la cura del territorio, del paesaggio e della natura nelle aree discoste necessita di nuovi modelli e confronti con le aree urbane. Il progetto affonda le sue radici in un universo di Utopia e Amore per il territorio e in quest’ottica propone un dialogo sul tema Utopia, Amore e Natura, incontrando Fabio Merlini, che rifletterà sul tema del nostro rapporto con la Natura e il Paesaggio dal punto di vista della filosofia della cultura e dell’epistemologia delle scienze umane, alla luce delle sfide odierne. Introduce Tiziana Zaninelli e conduce Pippo Gianoni. Il dialogo permetterà di coinvolgere anche il pubblico.

Introduzione: Tiziana Zaninelli
Tiziana Zaninelli è Presidente del Candidato Parco Nazionale del Locarnese e dell’Ente regionale per lo sviluppo del Locarnese. 

www.parconazionale.ch

Fabio Merlini

Fabio Merlini, nato a Minusio, Direttore regionale della sede della Svizzera Italiana dell’Istituto Universitario federale per la Formazione Professionale, ha insegnato filosofia della cultura e epistemologia delle scienze umane presso l’Università di Losanna e in altre università. Dal 2010 presiede la Fondazione Eranos e per l’editore Rosenberg & Sellier di Torino dirige la collana I Saggi di Eranos. Merlini ha inoltre co-diretto, presso gli Archivi Husserl dell’École normale supérieure di Parigi, il Groupe de Recherche sur l’Ontologie de l’Histoire, i cui lavori seminariali sono usciti in 3 volumi presso l’editore Vrin (1998, 2001, 2004). È pure co-autore del Cahier de l’Herne dedicato a Nietzsche per il centesimo anniversario della morte (2000), e con J. Derrida, P. Ricoeur, M. Crépon e altri è co-autore del volume La Philosophie au risque de la promesse (2004).

Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo L’époque de la performance insignifiante. Réflexions sur la vie désorientée (2011), Schizotopies. Essai sur l’espace de la mobilisation (2013), L’architettura inefficiente (con Luigi Snozzi, 2014), Ubicumque. Saggio sul tempo e lo spazio della mobilitazione (2015) e Catastrofi dell’immediatezza (con Silvano Tagliagambe, 2016).

Bibliografia

Catastrofi dell’immediatezza (con Silvano Tagliagambe), 2016, Rosenberg & Sellier
Ubicumque. Saggio sul tempo e lo spazio della mobilitazione, 2015, Quodlibet
L’architettura inefficiente (con Luigi Snozzi), 2014, Edizioni Sottoscala
Schizotopies. Essai sur l’espace de la mobilisation, 2013, Cerf
L’époque de la performance insignifiante. Réflexions sur la vie désorientée, 2011, Cerf
La Philosophie au risque de la promesse (con Paul Ricoeur, Jacques Derrida, Marc Crépon et al.), 2004, Bayard Culture

Pippo Gianoni

Pippo Gianoni, nato a Locarno nel 1963, ingegnere forestale e esperto nella consulenza e progettazione ambientale e nella pianificazione del territorio, già professore presso l’Università Iuav di Venezia, coniuga l’esperienza accademica con la pratica. La sua formazione è stata accompagnata da una maturazione progressiva verso l’arte e la cultura, favorendo una visione integrata e olistica del territorio e del paesaggio. Gianoni è autore di pubblicazioni scientifiche legate all’ecologia delle foreste, alle acque e al paesaggio. Sperimentatore di nuovi percorsi, studioso di acque e paesaggi dinamici, collabora regolarmente con artisti e centri culturali.