© Jonathan Bloom
Programma

Zeruya Shalev

Israele, eroine e destini

La scrittrice israeliana Zeruya Shalev conosce molto bene le potenzialità esplosive dei sentimenti. La sua sensibilità per le psicopatologie è impressionante, e lo è ancora di più la sua capacità di tradurre con straordinaria forza linguistica esperienze insondabili in storie affascinanti raccontando nello stesso tempo la storia di Israele. Ciò le riesce anche nel suo sesto romanzo, Pelia (Stupore), che ha per protagoniste due donne di diverse generazioni. Le eroine di Zeruya Shalev intraprendono coraggiosi viaggi nei loro mondi interiori.

L’autrice parteciperà al dialogo in video. Si potrà assistere allo streaming gratuitamente dalla Sala Balint del Monte Verità oppure dal nostro sito web.

Lingua: inglese; traduzione simultanea al Monte Verità: italiano/tedesco
La traduzione simultanea è disponibile solo al Monte Verità.

 

Zeruya Shalev

Zeruya Shalev, nata nel 1959 in un kibbuz presso il lago di Tiberiade (Israele), è diplomata in Studi biblici e vive con la sua famiglia ad Haifa. La sua pluripremiata trilogia sull’amore moderno – Una relazione intima (Frassinelli, 2000), Una storia coniugale (Frassinelli, 2001) e Dopo l’abbandono (Frassinelli, 2007) – è stata tradotta in oltre venti lingue. I suoi romanzi più recenti sono Dolore (Feltrinelli, 2016) e Pelia (Keter, 2021; in corso di traduzione presso Feltrinelli). Zeruya Shalev ha ricevuto, tra gli altri riconoscimenti, i Book Publishers Association’s Gold and Platinum Prizes (Israele), il Premio letterario Corine (Germania, 2001), il Premio Amphi (Francia, 2003) e tre volte l’ACUM Prize (Israele, 1997, 2003 e 2005).

Shelly Kupferberg - Moderazione

Shelly Kupferberg, nata a Tel Aviv nel 1974, è cresciuta a Berlino Ovest. Ha realizzato numerosi servizi televisivi per l’emittente ARD e da 25 anni modera trasmissioni radiofoniche dedicate a cultura, letteratura e società (Deutschlandfunk Kultur e rbbKultur), nonché incontri letterari con scrittori internazionali.