Programma

Voci dal mondo sospeso

La pandemia, con il confinamento e le incertezze che ne sono seguite, ci pone di fronte a nuove prospettive, tra paura e attesa. Una «lezione di immobilità e di resistenza», secondo lo scrittore Ian McEwan, a cui non eravamo per nulla abituati e che ci costringe a rivedere il nostro rapporto con la salute, con la malattia, con la morte. Gli Eventi letterari Monte Verità si chiudono quest’anno con la voce di tre autori che, in modi diversi, hanno sempre riflettuto sulla fragilità umana: Nino Haratischwili, Fabio Pusterla, Emanuele Trevi leggeranno i loro testi inediti sul tempo sospeso che stiamo vivendo. Pagine scritte appositamente per questo incontro.

Lingua: italiano/tedesco; traduzione simultanea: tedesco/italiano

Nino Haratischwili ed Emanuele Trevi parteciperanno all’evento in video.

L’evento potrà essere seguito anche in diretta streaming sul nostro sito.

Nino Haratischwili

Nino Haratischwili, nata a Tbilisi (Georgia) nel 1983, è attiva sia nel mondo del teatro, sia in quello della narrativa. Già all’età di 15 anni ha fondato un gruppo teatrale bilingue per il quale ha scritto e messo in scena varie pièces. Dal 2003 vive in Germania, dove lavora come scrittrice, drammaturga e regista teatrale. Ha scelto di scrivere in tedesco e finora ha pubblicato quattro romanzi: Juja (Verbrecher-Verlag, 2010), Mein sanfter Zwilling (Frankfurter Verlagsanstalt, 2011, in italiano: Il mio dolce gemello, Mondadori, 2013), Das achte Leben (Für Brilka) (Frankfurter Verlagsanstalt, 2014, in italiano: L’ottava vita, Marsilio, 2020) e Die Katze und der General (Frankfurter Verlagsanstalt, 2018). Per la sua opera ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il Premio letterario Anna Seghers, il Premio Bertolt Brecht e il Premio commemorativo Schiller.
 

Bibliografia


Opere tradotte in italiano:
L’ottava vita (per Brilka), 2020, Marsilio
Il mio dolce gemello, 2013, Mondadori

Fabio Pusterla

Fabio Pusterla, nato a Mendrisio nel 1957, è poeta, traduttore e saggista e insegna letteratura italiana presso il Liceo di Lugano e l’Università della Svizzera italiana. Collabora a diverse riviste, tra cui i Quaderni italiani di poesia contemporanea, e dirige la collana poetica Le Ali dell’editore Marcos y Marcos. È autore, tra l’altro, di otto raccolte poetiche parzialmente riassunte nell’antologia Le terre emerse. Poesie 1985-2008 (Einaudi, 2009), cui hanno fatto seguito Corpo Stellare (2010), Argéman (2014) e Cenere, o terra (2018), tutti e tre pubblicati da Marcos y Marcos. Le sue opere sono state tradotte nelle principali lingue europee e hanno ottenuto numerosi riconoscimenti. A Fabio Pusterla sono stati dedicati il documentario di Danilo Catti Salamandre, gatti ciechi, rotaie (1998) e quello di Francesco Ferri, Libellula gentile (2018).
 

Bibliografia

(Selezione)

Discorsi sulla neutralità, con Dorothee Elmiger, Pascale Kramer, Catherine Lovey, Adolf Muschg, Daniel de Roulet, Monique Schwitter, Tommaso Soldini, 2019, Casagrande
Tutti riceviamo un dono. Testi per festeggiare i dieci anni dell’Istituto di studi italiani, a cura di Corrado Bologna, Stefano Prandi e Fabio Pusterla, 2018, Casagrande
Cenere, o terra, 2018, Marcos y Marcos
Una luce che non si spegne. Luoghi, maestri e compagni di vita, 2018, Casagrande
Variazioni sulla cenere, 2017, Amos
Ultimi cenni del custode delle acque (quattordici frammenti), 2016, Carteggi Letterari - le edizioni
In questa parte del mondo. Paesaggi e terre, con opere di Selim Abdullah, 2016, Edizioni Sanlorenzo
Il nido dell’anemone. Riflessioni sulla poesia di Philippe Jaccottet, 2015, Edizioni d’If
Argéman, 2014, Marcos y Marcos
Cocci e frammenti, 2011, Alla Chiara Fonte
Colori in fuga, con Elisabetta Motta, 2011, La Vita Felice
Quando Chiasso era in Irlanda e altre avventure tra libri e realtà, 2012, Casagrande
Corpo stellare, 2010, Marcos y Marcos
Le terre emerse. Poesie scelte 1985-2008, 2009, Einaudi
Sulle rive, tra le foglie sui rami, 2008, Lithos, Como
Una goccia di splendore. Riflessioni sulla scuola, nonostante tutto, 2008, Casagrande
Il nervo di Arnold. Saggi e note sulla poesia contemporanea, 2007, Marcos y Marcos
Storie dell’armadillo, 2006, Quaderni di Orfeo
Movimenti sull’acqua, 2004, LietoColle Libri
Folla sommersa, 2004, Marco y Marcos
Sette frammenti dalla terra di nessuno, 2003, Flussi
Pietra sangue, 1999, Marcos y Marcos
Isla persa, 1997, Edizioni Il Salice
Danza macabra, 1995, Lietocollelibri
Le cose senza storia, 1994, Marcos y Marcos
Bocksten, 1989, Marcos y Marcos
Concessione all’inverno, 1985, Casagrande

Emanuele Trevi

Emanuele Trevi, nato a Roma nel 1964, è critico letterario e scrittore. Collabora al Corriere della Sera e al manifesto e fa parte del comitato di redazione della rivista letteraria Nuovi Argomenti. Ha pubblicato, tra l’altro, i libri di critica Istruzioni per l’uso del lupo (Castelvecchi, 1994), Musica distante (Mondadori, 1997), Il viaggio iniziatico (Laterza, 2013); i romanzi I cani del nulla (Einaudi, 2003), Il libro della gioia perpetua (Rizzoli, 2010) e Il popolo di legno (Einaudi, 2015); i libri di viaggio L’onda del porto (Laterza, 2005) e Ontani a Bali (Humboldt Books, 2016) e le memorie Senza verso (Laterza, 2004), Qualcosa di scritto (Ponte alle Grazie, 2012) e Sogni e favole (Ponte alle Grazie, 2019). Il suo ultimo libro è Due vite (Neri Pozza, 2020).
 

Bibliografia


Due vite, 2020, Neri Pozza
Sogni e favole, 2019, Ponte alle Grazie
Ontani a Bali, con Giovanna Silva, 2016, Humboldt Books
Il popolo di legno, 2015, Einaudi
Karénina. Prove aperte d’infelicità, 2014, Eir
Il viaggio iniziatico, 2013, Laterza
Qualcosa di scritto. La vita quasi vera di un incontro con Pier Paolo Pasolini, 2012, Ponte alle Grazie
Il libro della gioia perpetua, 2010, Rizzoli
Letteratura e libertà, con Raffaele La Capria, 2009, Fandango Libri
Invasioni controllate, con Mario Trevi, 2007, Castelvecchi
L’onda del porto. Un sogno fatto in Asia, 2005, Laterza
Senza verso. Un’estate a Roma, 2004, Laterza
I cani del nulla. Una storia vera, 2003, Einaudi
Musica distante: meditazioni sulle virtù, 1997, Mondadori
Istruzioni per l’uso del lupo, 1994, Castelvecchi

Intermezzi musicali: Liberty Duo

Il duo creato dal violino di Maristella Patuzzi e dal violoncello di Nicolò Neri propone un repertorio che spazia dal barocco ai tanghi argentini, dalle celebri melodie classiche alla musica contemporanea.